Europ Assistance
  • Iscriviti al Feed RSS
  • Seguici su Google+

India

Capitale: Nuova Delhi
Lingua: Hindi e Inglese
Moneta: Rupia Indiana
Distanza dall'Italia: 6569
Sapevi che:

PROSSIMO VIAGGIO IN INDIA? ECCO ALCUNI CONSIGLI UTILI:

Documenti e dogana

​Prima di partire per l’India recati con buon anticipo presso uno degli uffici diplomatico/consolari del Paese presenti in Italia per ottenere il visto d’ingresso; indica se scegli di andare in zone con accesso limitato o protette, perchè necessitano di permessi speciali.  Se arrivi in India con più di 10.000 dollari USA devi dichiararli alle autorità doganali in aeroporto, mentre per esportare grandi quantità di oggetti, o di grande valore, ti serve un’autorizzazione della dogana prima dell’uscita dal Paese.
Non puoi comunque esportare oggetti antichi più di un secolo e prodotti derivanti da animali protetti. Porta tranquillamente con te le tue carte di credito: sono bene accette, soprattutto il circuito Visa, sia nei negozi autorizzati sia negli alberghi delle grandi città.
Se sei in possesso di un visto turistico non puoi far entrare con te animali domestici, mentre hai l’autorizzazione a portarli con te solo se decidi di spostare in India la tua residenza; in questo caso puoi di contattare per tempo l’Ambasciata dell’India a Roma o il Consolato Generale dell’India a Milano.

Il sistema sanitario

In india la situazione sanitaria è a rischio. E’ importante prima di partire consultare l’ASL per verificare la necessità di profilassi speciali.
Solitamente sono consigliate le vaccinazioni contro: la difterite, l’epatite A e B, il tifo, la tubercolosi, la polio e il richiamo antitetanico e, particolarmente per chi viaggia durante la stagione calda (da maggio a settembre) e soggiorna in zone rurali, la meningite e l’encefalite giapponese.
Ti suggeriamo di prevenire qualunque rischio stipulando una polizza sanitaria per partire in sicurezza. Per recarti in India non devi fare nessuna vaccinazione obbligatoria, a meno che tu non provenga direttamente da paesi dell’Africa, dell’America Latina, della Papuasia e Nuova Guinea, caso in cui devi presentare il certificato di vaccinazione per la febbre gialla


Sicurezza in viaggio

Il Governo indiano mantiene un allarme a livello nazionale circa la possibilità di attacchi terroristici nel Paese. Mantieni alta l’attenzione se frequenti luoghi ad alta frequentazione, come i mezzi di trasporto pubblico, stazioni di autobus e treni, mercati, come pure le località frequentate da stranieri, sia nelle grandi città, sia in destinazioni turistiche, con particolare riferimento a hotel di catene internazionali, centri commerciali, aeroporti e voli di linea.
Visto la stabilità precaria di alcuni Stati o aree rurali si consigliamo vivamente di raccogliere più informazioni possibili sullo stato di sicurezza della località che intendi visitare e di segnalare sempre la tua presenza al momento dell’arrivo nel Paese indicando recapiti in loco, periodo di permanenza, ecc…
Se scegli di visitare l’India per praticare trekking ecco alcuni consigli per vivere questa attività al meglio: rivolgersi solo ad agenzie turistiche autorizzate, assumere solo guide e portatori autorizzati durante le spedizioni, seguire nelle spedizioni i percorsi e le piste per il trekking indicati dall’Himachal Tourism Department,  fermarsi per la sosta notturna solo nei campeggi consigliati ed adottare sempre la massima prudenza durante le escursioni. Ricordati che in India non esiste alcuna struttura delegata al soccorso in caso di attività di alpinismo e trekking, l’unica forma di intervento possibile è quella operata dalle forze armate con elicotteri militari, ma solo a seguito di richiesta scritta da parte dell’Ambasciata d’Italia per ottenere il “nulla osta” del Ministero degli Esteri locale.
Se decidi di visitare l’India durante il periodo dei monsoni ricordati di verificare la situazione climatica e di viabilità, oltre che sanitaria, visto che le inondazioni favoriscono il propagarsi di malattie.


Clima e religione

Se stai organizzando un viaggio in India ricorda che da maggio a settembre è la stagione dei monsoni con forti precipitazioni che possono provocare inondazioni e frane, specie nelle zone rurali. Il clima è prevalentemente tropicale e subtropicale, con temperature estive molto elevate, e punte che possono raggiungere i 48°. L’India è un paese ricco di religioni: Induismo, Islam, Cristianesimo, Sikhismo, Buddismo, Giainismo, Zoroastrismo ed altre confessioni minori

Cosa mangiare

Se ami le pietanze speziate, la cucina indiana ti piacerà sicuramente. Inoltre se sei vegetariano sarai felice di scoprire che la maggior parte dei piatti indiani è a base di verdure e legumi; il pollo tandori, che conosciamo bene grazie ai numerosi ristoranti indiani presenti in Italia, è uno dei pochi piatti a base di carne. Abituati ai sapori forti, soprattutto piccanti e non perderti un buon thali, l’immancabile pakora e una sfiziosa samosa.

 

#Movesafe in India con i bambini tra Kerala e Rajasthan

Trattandosi di un paese di smisurate dimensioni geografiche, propongo per l’India un itinerario che riguarda due regioni, il Kerala e il Rajasthan, suddiviso equamente nei tempi tra il primo ed il secondo e tenendo conto di almeno un giorno, un giorno e mezzo per il trasferimento...

Approfondisci

#Movesafe in India sul “filo di Nicky” a bordo di un tuk-tuk

Quando si viaggia in Asia, la voglia di prender il posto del nostro autista e mettersi alla guida di un tuk-tuk viene di sicuro. Un modo semplice, sicuro ma decisamente avventuroso per conciliare uno spettacolare viaggio alla scoperta dell’India e questa voglia di muoversi con il vento tra i...

Approfondisci

Movesafe in India tra le meraviglie del Rajasthan

L’India è un paese talmente vasto che per vederlo tutto bisognerebbe starci come minimo sei mesi. Se è la prima volta che ci andate e avete le ferie “contate” il miglior itinerario che io vi possa consigliare è sicuramente il Rajasthan, la terra dei marahja, dei sari e dei colori, dei...

Approfondisci