Europ Assistance
  • Iscriviti al Feed RSS
  • Seguici su Google+

Iran

Capitale: Teheran
Lingua: Lingua persiana
Moneta: Riyal iraniano
Distanza dall'Italia: 3759
Sapevi che:

PROSSIMO VIAGGIO IN IRAN? ECCO ALCUNI CONSIGLI UTILI:

Documenti e dogana

​Per visitare l’Iran è richiesto un visto d’ingresso che suggeriamo di richiedere con dovuto anticipo prima della partenza presso l’Ambasciata a Roma o il Consolato Generale a Milano, soprattutto se si decide di entrare nel paese per motivo di studio o lavoro. E’ possibile richiedere un visto d’ingresso turistico anche all’arrivo in aeroporto, ma senza una garanzia certa di poterlo ottenere, e per il quale è richiesta anche una polizza di assistenza sanitaria che suggeriamo comunque di acquistare prima di partire già configurata sulle proprie esigenze di viaggio. Sconsigliamo di acquistare in loco polizze viaggio senza conoscere le coperture e le prestazioni offerte per evitare di incorrere in possibili frodi o truffe.
​All’ingresso del paese è vietata l’importazione di alcolici, mentre puoi riportare a casa oggetti il cui valore non superi l’importo di 180 dollari americani e tappeti che non superino i 12 mq di grandezza

Il sistema sanitario

Le strutture sanitarie pubbliche iraniane non hanno lo stesso livello di quelle europee, spesso è opportuno rivolgersi a strutture private con conseguenti costi sostenuti. Il livello delle attrezzature usate nelle strutture pubbliche è alquanto scadente, i medicinali sono difficili da reperire, soprattutto non è garantita la stessa tipologia che puoi trovare in Europa. Per questo è consigliabile portare con sè le medicine che potrebbe servire durante il viaggio e stipulare una polizza di assistenza sanitaria, che comprenda anche un rientro in patria in caso di malattia o infortunio.
Per entrare in Iran è richiesto il certificato di vaccinazione contro la febbre gialla per tutti quei viaggiatori provenienti dai paesi a rischio per la contrazione della malattia. Non è dunque richiesto il certificato di vaccinazione a tutti i cittadini che provengono dall’Italia poiché nel nostro Paese non sussiste questo rischio.

Sicurezza in viaggio

L’Iran ha rigide norme di comportamento islamiche , soprattutto per ciò che riguarda la sfera sessuale e l’abbigliamento.E’ consigliabile assumere un atteggiamento di massimo rispetto e un contegno sobrio e composto. Così facendo sarà più facile tenersi lontani da situazioni difficili, in Iran le autorità non sono così efficienti come in Europa e spesso rappresentano un ostacolo per la risoluzione di equivoci, e piccoli contenziosi.
Consigliamo di tenersi alla giusta distanza da eventuali manifestazioni, luoghi di assembramento o aggregazione di persone; infine non è inusuale incontrare giovani in borghese con il compito di controllare il comportamento dei turisti e visitatori, che hanno comunque l’obbligo di farsi riconoscere per procedere con eventuali controlli

 

Clima e religione

​Il clima è sostanzialmente secco, tranne che nelle zone vicine al mare. A Theran, la capitale, in inverno è possibile imbattersi in abbondanti nevicate mentre le estati sono molto calde, con temperature spesso sui 40 gradi. La popolazione iraniana è al 90% musulmana sciita, grandi comunità di sanniti sono collocate nelle zone sud est e sud ovest del paese; è consentita la libertà di culto anche ad altre

Cosa mangiare

Potresti iniziare dalle cose semplici: il KebaB, che in Iran è preparato in innumerevoli versioni, da quelle che conosciamo anche noi in Italia a quelle meno note. Merita attenzione anche il Fesenjan, un piatto a base di carne noci e melagrana consumato spesso durante i banchetti di nozze persiani ed ha una tradizione addirittura millenaria.
Per il capodanno persiano, che cade esattamente in corrispondenza dell’equinozio di primavera gli Iraniani mangiano Ash e Reshteh, nient’altro che una zuppa di noodle e fagioli ed anche se tu non vivrai l’esperienza del capodanno, non perdere l’occasione per provarlo.

#Movesafe in Iran da Teheran a Yazd

Iran, il paese dai modi gentili e dall’accoglienza smisurata. Il paese in cui l’ospite è sacro. Antica grandezza, eterna bellezza; tradizione e modernità, tè e zafferano, moschee e bazar, montagne e deserto. Un paese da scoprire lentamente, un viaggio di 15 giorni dalla travolgente...

Approfondisci