Europ Assistance
  • Iscriviti al Feed RSS
  • Seguici su Google+

Patente revolution: L’Europa on the road

L’Europa ha la sua patente. E’ giunta l’ora di dire addio agli oltre cento formati sopravvissuti nei vari Paesi dell’Unione Europea. E così tutti gli automobilisti, motociclisti e autotrasportatori gradatamente si troveranno con un modello standard a forma di carta di credito e un microchip collegato ad un database, per facilitare lo scambio di informazioni in tempo reale tra i vari paesi. E finalmente ci liberiamo anche del bollino per il cambio di residenza, visto che su quelle nuove non comparirà più l’indirizzo del conducente. La sostituzione avverrà con il primo rinnovo e non potrà andare oltre il 2033.

Perplessità e dubbi non mancano, e anche perchè la nuova patente è suddivisa in una marea di sottospecie, ma la validità resta la seguente: 10 anni per automobilisti e motociclisti (estensione a 15 anni se richiesto dallo stato membro) e 5 anni per conducenti di autobus e autocarri. Gli amanti delle due ruote possono mandare in pensione il vecchio patentino e aspettare i 18 anni per conseguire la nuova AM (ciclomotori, veicoli a tre ruote o quadricicli leggeri con velocità massima 45 km/h) o anticiparla  a 14 anni senza il trasporto di passeggeri. E’ inutile spazientirsi perché per la patente A No Limits bisognerà spegnere 24 candeline.
Per gli automobilisti la B classica, che necessita ancora del compimento del diciottesimo anno di età, non prevede più la guida di tricicli e quadricicli pesanti. La neonata B1 (quadricicli con potenza massima di 15w) farà la gioia dei sedicenni per la guida di motocar. Per i mezzi pesanti, infine, la C completa (autocarri) richiede il compimento dei 21 anni, mentre l’ottenimento della D (autobus) sarà graduale in due step a 21 e 24 anni.

Sanzioni più salate (chi viene fermato senza patente può prendere una multa fino a 4000€) e, secondo il nuovo codice della strada, obbligo di soccorso anche per i nostri amici a quattro zampe.

Link utili:
Cos’è la nuova patente europea?

Guarda anche

Auto, torna l’obbligo di gomme invernali o catene da neve a bordo

Il 15 novembre è tornato in vigore l’obbligo di montare sull’auto le gomme invernali o in alternativa viaggiare con le catene da neve a bordo sulla rete stradale italiana in cui ne è previsto l’uso. Vi lasciamo alcuni consigli utili, ricordandovi che l’obbligo resterà...

Approfondisci

Inviare un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *