21 giugno 2016

movesafe_giappone_viaggio

federchicca_avatarIl Giappone è un Paese che in tanti vorrebbero visitare, perché offre sempre validi spunti per visitarne le città, come le periferie, le isole e le Regioni più estreme da quelle che sono le due città di punta, Kyoto e Tokyo.
In Giappone esiste una diversità di culture tra nord e sud, che si potrebbe fare un viaggio on the road, anzi on the train, sfruttando i famosi Shinkansen, per mesi.

#MOVESAFE – Per entrare in Giappone non sono richiesti vaccini da fare prima di partire da casa, una nota positiva in più per chi vuole fare un viaggio impegnativo senza però sentirsi limitato o obbligato dalle vaccinazioni. Consiglio di mettersi in viaggio con l’assicurazione sanitaria. Io ho scelto la Viaggi Nostop Vacanza di Europ Assistance, che mi agarantisce ovunque nel mondo assistenza sanitaria in viaggio 24 ore su 24.

ITINERARIO – Il mio viaggio è durato circa due settimane con arrivo a Kyoto che ho esplorato per i primi quattro giorni, Tokyo, per gli atri cinque giorni e infine le Alpi Giapponesi, alloggiano nella famosa città in cui si sono svolti i giochi olimpici di Nagano. Le cose da fare in queste tre città sono tantissime e nonostante io avessi quasi due settimane è difficile aggiungere qualcosa di più.
Se si hanno più giorni a disposizione, le località più vicine e che meritano sicuramente una visita, oltre a quelle che vi ho appena consigliato, sono quelle di Nara, Miyajima, Kobe, Nikko, Kamakura e Yokohama, solo per citarne alcune.

KYOTO – Quando si parla di Kyoto non si può non parlare di Geisha, o meglio di Maiko, le apprendiste Geishe che è molto facile incontrare a Gion in uno dei quartieri più antichi della città. Passare in questo quartiere almeno una serata del vostro soggiorno è una calda raccomandazione, vi sentirete come in un film tra le decine di sale da tè sparse per il quartiere e i ristoranti dalle porte piccole, con lucine che invitano ad entrare in modo discreto. Dietro queste porte troverete senza dubbio le cucine migliori della città.

TOKIO – Su Tokyo ogni consiglio è superfluo. La città è solo da vivere, da scoprire camminando, seguendo il flusso di gente a Shibuya, l’incrocio più trafficato al mondo, o fermandosi in qualche cat caffè gustando una prima colazione con un gatto che dorme sulle ginocchia.
Consigliare un’attività sola a Tokyo è impossibile anche perché i suoi quartieri sono molto diversi gli uni dagli altri, in contrasto tra passato e futuro in cui il presente sembra sfuggire, non esserci. Da non mancare i karaoke, si trovano nei luoghi più disparati e probabilmente per raggiungerne uno vi troverete al 46° piano di un grattacielo, ma ne vale la pena.

NAGANO – Impossibile a Nagano non notare le decine di bar e locali in stile hawaiano. Anche in inverno l’atmosfera in questi posticini era estiva, con proposte di cocktail alla frutta e tavole da surf. Alloggiare a Nagano significa innanzitutto amare le piste e saper sciare, ma per chi non ama lo sci c’è un’opzione, andare a nell’Altopiano Shiga per visitare un parco natuale e termale in cui si trovano i macachi. La bellezza è di trovarli mentre si rilassano all’interno dell’acqua termale che sfiora i 40°C e all’esterno, in inverno, si scende spesso sotto lo zero.

FOOD – Cosa si mangia oltre al sushi? In Giappone vi sorprenderà vedere quanti piatti esistono che non vengono direttamente
collegati al famoso sushi o al sashimi. Tempura frittura – Donburi riso con pesce, verdure o carne; Yakitori –  spiedini di pollo, Tonkatsu, cotoletta solitamente servita con cavolo e zuppa di miso;  Takoyaki – polpette fritte;  zuppa di Miso – zuppa tradizionale con pasta di miso; Kasutera –  dolce fatto con uova, zucchero, farina e sciroppo di amido; Ganmodoki tofu – fritto con verdure, uova e semi di sesamo bianco; Kushikatsu  – spiedini fritti e, infine, la soba, la mia preferita, dei tagliolini fatti con farina di grano saraceno serviti fretta su un letto di bambù.

Federica Piersimoni*

*Travel blogger dal 2008, comunicatrice e ricercatrice instancabile di voli low cost.  Da qualche mese mamma del piccolo Giulio che ha già preso 25 voli in gravidanza e quasi 10 in soli quattro mesi.  Il suo primo blog viaggi-lowcost.info le ha dato la possibilità di fare della sua passione una professione.  Oggi co-fondatrice di TBnet, agenzia di comunicazione in Italia per Blogger.

Link utili:
Fai un preventivo di Viaggi Nostop Vacanza