6 gennaio 2017

Prima di partire per il vostro viaggio in Messico, ecco alcuni consigli:

IL VISTO – Non è necessario il visto per turismo fino ad un massimo di  90 giorni di permanenza. Per allungare la durata del  soggiorno può essere esteso  fino a 180 giorni con una richiesta all’Istituto Nazionale di Immigrazione. Il visto è obbligatorio per tutto il resto e occorre farne richiesta presso le Rappresentanze Diplomatico-Consolari del Messico in Italia (Roma e Milano).

ALLA DOGANA –  Se arrivate in Messico con beni  di valore tra i 300 e i 500 dollari americani dovrete pagare un’imposta sul valore totale eccedente dei beni. Non ci sono restrizioni per importi di denaro fino a 10.000 dollari; per importi maggiori dovrete dichiararlo nel formulario da compilare al momento dell’ingresso in Messico.

IL SISTEMA SANITARIO –   In Messico avete accesso solo a strutture sanitarie private, che generalmente sono di medio livello e molto costose, perché la legislazione nazionale non offre assistenza sanitaria pubblica agli stranieri. Consigliamo pertanto di acquistare prima di partire una polizza di assistenza sanitaria di Europ Assistance per godertvi la vacanza in tutta tranquillità. Infine, non è prevista nessuna vaccinazione obbligatoria.

VIAGGIARE SICURI – In Messico il fenomeno della delinquenza è molto diffuso, sia in zone turistiche che in quelle più remote, causate spesso da scontri tra bande rivali. Mantenete alta la soglia dell’attenzione, non girate a piedi nelle ore notturne e in zone poco affollate, non indossate gioielli e accessori vistosi; aggiornatevi sulla situazione della sicurezza seguendo le indicazioni delle autorità locali.
Spostatevi in taxi prenotati dal vostro albergo o dal ristorante dove avete mangiato, soprattutto se siete a Città del Messino. Qui il traffico è particolarmente caotico e sconsigliamo la guida di un auto. Per spostamenti da una località all’altra usate autobus di prima categoria, evitando di mettervi alla guida e usando strade secondarie e poco conosciute.

 

CLIMA E RELIGIONE – Il periodo migliore per visitare il Messico sono i mesi che vanno da ottobre a maggio, perchè vi aspetta un clima asciutto e ancora non troppo freddo. La nostra estate nelle regioni costiere meridionali del Messico registra un’altissimo livello di umidità e un gran caldo, insieme ad un grande afflusso di turisti stranieri.
Infine, il periodo che va da maggio ad ottobre è la stagione delle pioggie, quindi fate attenzione alla scelta dell’itinerario. Le festività di Pasqua, Natale e Capodanno registrano la massima affluenza di vacanzieri messicani, con il pericolo di non trovare alloggio. Il culto religioso principale è quello cattolico.

COSA MANGIARE –  La cucina messicana è forte e piccante. I piatti messicani affondano le loro radici nella tradizione precolombiana ed il mais è un ingrediente fondamentale. Lo ritrovererete nelle tortillas, le classiche sfogliatine corccanti ripiene di carne, verdure e formaggio. Altro ingrediente imprescindibile sono i fagioli, pilastro del tradizionale chili e poi appunto il peperoncino che abbonda in ogni piatto, dalle fajitas alla carne. Birra ghiacciata consigliata agli avventori meno abituati ad avere a che fare con il piccante. Infine per il dopo cena una tequila non si rifiuta mai.