24 gennaio 2014

Mentre il Ministero della Salute lancia le app su Apple store e Android per calcolare i rischi del contagio dell’influenza, il cui picco è proprio in questi giorni, l’Università degli Studi di Milano avvia un corso di perfezionamento su salute e social media. La tendenza degli italiani all’uso delle nuove tecnologie in ambito salute conferma i dati dell’ultimo Barometro Salute, la ricerca realizzata dall’istituto di ricerca CSA e promossa dal Gruppo Europ Assistance.

il 70% degli italiani, infatti, si era dichiarato favorevole al monitoraggio delle proprie condizioni di salute tramite dispositivi mobili e un 42% (+26% rispetto all’anno precedente) era disponibile ad avvalersi del consulto di professionisti via webcam. Il focus dell’indagine CSA-Europ Assistance su italiani e salute online è la chiara dimostrazione di una nazione prudente, che non si limita ad affidarsi a commenti ed esperienze raccontati da altri, ma a uno strumento che può fornire risposte certe, provenienti da specialisti.

La possibilità di accedere ad applicazioni come l’Influenzometro o il Meteo influenza, di monitorare periodicamente la pressione sanguigna o il ritmo cardiaco attraverso il proprio smartphone può aiutare a prevenire determinati disturbi, così come il consulto con un medico via webcam può portare a intraprendere subito una cura e prevenire l’insorgere di complicazioni.

Link correlati:

7° Barometro Salute