28 novembre 2014

Gli amanti delle mete tropicali come noi aspettano con ansia l’arrivo dell’inverno per iniziare a pianificare il prossimo viaggio. Lasciarsi alle spalle cieli grigi e piovosi, salire su un aereo, ed arrivare dopo qualche ora in luoghi dove il grigio è diventato azzurro, dove le giacche vengono sostituite da tshirt e gli scarponi da infradito.
Insomma, un viaggio attraverso lo spazio ed il tempo per arrivare in paradiso e scoprire terre lontane anni luce dalle nostre città. Eppure questo paradiso può nascondere delle insidie e la cosa migliore è sempre quella di partire informati e preparati anche al peggio. Gli aspetti da valutare sono molteplici.

RISCHI – Da un lato ci sono i rischi igienico sanitari che si corrono in ogni meta tropicale, anche quelle più sicure: i batteri presenti in queste zone sono comunque pericolosi per noi poichè il nostro corpo non li conosce, quindi piccoli problemini quali dissenteria o fastidi del genere sono normali e non dobbiamo farci spaventare.
Inoltre si tratta spesso di climi estremi, con sole molto forte e tanto caldo: bere molti liquidi e ripararci dal sole sono due semplici quanto indispensabili misure per prevenire colpi di calore e disidratazione, soprattutto nei bambini. Non voglio certo scatenare allarmismi ingiustificati, anzi, spesso basta davvero poco per prevenire i rischi più comuni. Ne ho parlato per esempio in questo articolo.

SICUREZZA IN VIAGGIO – La misura sicuramente più efficace per partire davvero tranquilli e non doversi preoccupare eccessivamente nel caso dovessero presentarsi dei problemi durante il viaggio è quello di stipulare prima della partenza un’assicurazione sanitaria, che garantisca sia la copertura delle spese mediche in loco (o del rimpatrio se necessario), sia l’assistenza di un medico italiano in caso di necessità.
Anche ora che sto viaggiando in un paese tropicale ho quindi stipulato l’assicurazione Viaggi Nostop Family che mi copre nei casi sopra citati ed ad hoc per chi si sposta con la famiglia.

PRIMA DEL VIAGGIO – Contestualmente all’acquisto del viaggio, ho inoltre stipulato un’assicurazione per la copertura delle spese in caso di annullamento, sempre più indispensabile da quando viaggiamo in tre: i rischi di mancata partenza aumentano in modo esponenziale quando i bimbi vanno a scuola e portano a casa ogni tipo di virus, soprattutto in inverno, periodo ideale per i nostri amati viaggi al caldo. Meglio quindi essere coperti in caso di mancata partenza!

Curiosi di sapere da dove vi sto scrivendo?
Allora ci rivediamo sul mio blog Bimbi e Viaggi fra qualche settimana che vi racconto tutto!

Milly Marchioni*

*Viaggiatrice indipendente, adora il mare e le isole tropicali ma anche la montagna e in generale le vacanze a contatto con la natura. L’arrivo di sua figlia non ha fatto altro che alimentare la voglia di muoversi e vivere questa passione assieme a lei, che ha già collezionato diversi timbri sul suo passaporto! Il suo blog www.bimbieviaggi.it nasce proprio per parlare di bambini che viaggiano e condividere le emozioni di chi viaggia con loro.