Europ Assistance
  • Iscriviti al Feed RSS
  • Seguici su Google+

#Movesafe in India con i bambini tra Kerala e Rajasthan

Trattandosi di un paese di smisurate dimensioni geografiche, propongo per l’India un itinerario che riguarda due regioni, il Kerala e il Rajasthan, suddiviso equamente nei tempi tra il primo ed il secondo e tenendo conto di almeno un giorno, un giorno e mezzo per il trasferimento dall’Italia, oltre agli spostamenti interni.

FLY ME – Il nostro viaggio in India di un paio di settimane con i bambini, 15 giorni per la precisione, inizia con un volo per Nuova Delhi, non è difficile trovarne uno in partenza dai principali aeroporti italiani, magari con scalo a Dubai o Doha, oppure prendendo un’altra compagnia che ci porti prima verso nord, dico Londra o Monaco di Baviera come aeroporti di riferimento.

#MOVESAFE – Prima di partire bene pensare ad assicurarsi come minimo per le spese mediche, Viaggi Nostop Vacanza di Europ Assistance è il prodotto che potrebbe fare al caso per l’India, potendo anche stabilire il premio in base ai giorni di viaggio. Inoltre, la versione Family è adatta per chi come noi si sposta con tutta la famiglia.

KERALA – Da Delhi ci si muove direttamente in Kerala, stato indiano situato sulla costa sud occidentale conosciuto per le spiagge sabbiose,  la fitta rete di canali, le montagne verdi alle spalle e le piantagioni di caffè e spezie. Destinazione Cochin, comunemente chiamata anche Kochi, l’aeroporto di riferimento è quello di Ernakulam.
In Kerala il viaggio inizia con l’esplorazione in barca della fitta rete di canali, fiumi, laghi e lagune che costituiscono il Backwater. Un ambiente naturale affascinante che permette di avvicinarsi anche alla vita di questi luoghi, così legata all’elemento acqua, ad esempio con le tipiche case sull’acqua.

DA VARKALA A JAIPUR – Ci si sposta successivamente in treno verso a Varkala, il viaggio dura circa 4 ore e permette di avere una visione diversa del territorio. Luogo magico dove godere delle fantastiche spiagge affacciate sul Mar d’Arabia ma anche delle alte scogliere, le Varkala cliffs dai colori strabilianti, specie nelle golden hours, alba e tramonto.
Si scende ancora verso Kovalam, praticamente di fronte alle Maldive nella porzione più meridionale dell’India. Ed è ancora il mare e la linea di costa a stupire con la sua bellezza. Da qui merita certamente un’escursione, magari con un taxi coloniale sino a Kaniakumari, il punto più a sud della penisola indiana.
Si ritorna quindi a Trivandrum, Thiruvananthapuram, per prendere l’aereo e volare per Jaipur in Rajasthan, seconda parte del tour in India. La capitale è una  città carina cresciuta grazie alla famiglia reale che qui aveva casa, qui ci si sposta quindi verso la splendida Udaipur con un transfer in pullman. Da non perdere il Palazzo della città, quello sul lago e i diversi templi che caratterizzano il luogo con la loro bellezza misteriosa.

DA PUSHKAR A JAISALMER – La tappa successiva è Pushkar. La piccola città è inserita in un contesto paesaggistico di incredibile armonia, mescola i rilievi al verde intenso della pianura e ad alcuni specchi d’acqua, facile vedere i cammelli che si abbeverano nei momenti di sosta. Pushkar è imperdibile, mistica, affascinante, unica, merita almeno un paio di giorni.
Ultima tappa prima del rientro dall’aeroporto di Nuova Delhi è Jaisalmer. Un centro di commercio medioevale nel cuore del deserto Thar. Conosciuta come la città d’oro per il colore dei suoi edifici costruiti in pietra gialla, è sovrastata da una fortezza con 99 bastioni che domina la cittadina. Da non mancare il palazzo del Maharajah e il tempio Jain.

INDIA A MISURA DI BAMBINO –  Per intraprendere un viaggio in India con i bambini è necessario preparare il viaggio in anticipo. Ci sono delle vaccinazioni da fare e di cui ti consiglio di parlare con il tuo pediatra di fiducia. Prima del viaggio inoltre è consigliabile valutare l’itinerario anche in funzione delle necessità dei piccoli viaggiatori, fuso orario e problemi con l’alimentazione potrebbero creare dei disagi, perciò meglio rallentare un po’ il ritmo.
Durante il viaggio è consigliabile bere solamente l’acqua in bottiglia, non mangiare verdure crude o frutta con la buccia a meno che non sia lavata con l’acqua in bottiglia. Controlla sempre le scadenze del cibo confezionato e che quello in frigorifero sia stato conservato adeguatamente.

Fabio e Giulia Sonce*

*Fabio e Giulia adorano viaggiare e lo fanno in formato famiglia: il figlio ha imparato a camminare sul prato di St. James Park a Londra, la piccola ha fatto le prime capriole sotto le mura del Dunnottar Castle, in Scozia. Viaggiano da sempre e viaggeranno sempre. Il loro blog è bambiniconlavaligia.it.

Link utili:
Fai un preventivo di Viaggi Nostop Family

Guarda anche

Movesafe in India tra le meraviglie del Rajasthan

L’India è un paese talmente vasto che per vederlo tutto bisognerebbe starci come minimo sei mesi. Se è la prima volta che ci andate e avete le ferie “contate” il miglior itinerario che io vi possa consigliare è sicuramente il Rajasthan, la terra dei marahja, dei sari e dei colori, dei...

Approfondisci

#Movesafe in Iran da Teheran a Yazd

Iran, il paese dai modi gentili e dall’accoglienza smisurata. Il paese in cui l’ospite è sacro. Antica grandezza, eterna bellezza; tradizione e modernità, tè e zafferano, moschee e bazar, montagne e deserto. Un paese da scoprire lentamente, un viaggio di 15 giorni dalla travolgente...

Approfondisci

#Movesafe in Thailandia da Bangkok a Koh Tao

La Thailandia è un luogo che attrae molti, soprattutto per le vacanze estive. E’ anche una meta che personalmente consiglio quando una persona ha voglia di fare un bel viaggio in libertà (fuori dai classici resort) e, allo stesso tempo, un itinerario facile da organizzare. E poi,...

Approfondisci

Inviare un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *