Europ Assistance
  • Iscriviti al Feed RSS
  • Seguici su Google+

#Movesafe in India sul “filo di Nicky” a bordo di un tuk-tuk

Quando si viaggia in Asia, la voglia di prender il posto del nostro autista e mettersi alla guida di un tuk-tuk viene di sicuro. Un modo semplice, sicuro ma decisamente avventuroso per conciliare uno spettacolare viaggio alla scoperta dell’India e questa voglia di muoversi con il vento tra i capelli è Rickshaw Challenge: gara di circa mille chilometri su quattro diversi tragitti a bordo, appunto, della famosa ape calessino in India.

RICKSHAW CHALLENGE – Gli itinerari del Rickshaw Challenge variano a seconda della stagione da nord a sud dell’India e vanno da una settimana a dieci giorni. I percorsi portano attraverso zone rurali e meno turistiche andando a scoprire la vera anima di questo Paese e templi meravigliosi anche se meno conosciuti.
È proprio questo esser lontani dalle località normalmente frequentate dai turisti che attirerà ancora di più l’attenzione dei locali, pronti ad accogliervi con tanti sorrisi e guardare con curiosità il muoversi della carovana tra le strade più e meno battute.

L’UNIONE FA LA FORZA – Le squadre sono una ventina solitamente e hanno dai due ai tre membri, provenienti da tutto il mondo (quattro è altamente sconsigliato per una questione di comodità) ed è organizzata da The Travel Scientists. (http://www.travelscientists.com/trips/rickshaw-challenge-classic-run/)
Esistono tre diversi pacchetti per fasce di prezzo: la base prevede solo l’affitto del tuk-tuk e l’organizzazione dell’itinerario, quello di mezzo comprende anche la prenotazione degli hotel per la notte e quello più costoso prevede anche la personalizzazione e la riparazione del mezzo.

L’INDIA DAL TUK-TUK – Una visita al tempio di Brihadeeswarar a Thanjavur e quello di Meenakshi a Madurai, vi lasceranno a bocca aperta per la loro bellezza e imponenza. Altro tempio imperdiible è quello nella città di Tirunveli: potrete godere del suono delle sue colonne musicali, assistere alle benedizioni e magari incrociare un elefante tra i corridoi.
Un susseguirsi di vesti colorate animano questi luoghi di culto e renderanno i vostri scatti fotografici ancora più speciali, preparatevi a scattare fotografie con degli sconosciuti, vi verrà chiesto in continuazione di posare per una foto.
Per rinfrescarsi dall’afa, niente di meglio che un bagnetto alle cascate di Manimuthar, sulla strada per Kanyakumari, la città più a sud dell’India dove è possibile ammirare il sorgere del sole direttamente sull’Oceano. Alle 5:00 del mattino la città è sveglia e attiva quanto a mezzogiorno, non abbiate paura di lasciare il vostro letto caldo, non ve ne pentirete!

#MOVESAFE – L’imprevisto è dietro l’angolo e vi assicuro che in India non è il caso di prendere il ben che minimo rischio in termini di sicurezza. Io sono tranquilla con Viaggi Nostop TreSeiCinque, l’assicurazione viaggi annuale di Europ Assistance che garantisce una copertura totale e assistenza sanitaria 24 ore su 24, l’ideale per partire a cuor leggero.

Pronti a sfrecciare per le strade indiane sul vostro tuk-tuk colorato?

 

Nicoletta Crisponi*

Travel blogger ed esperta di comunicazione, ha lasciato il lavoro per intraprendere un viaggio di un anno da un capo all’altro del mondo con una sfida: incontrare ovunque nel suo percorso un amico o un amico di un amico così da dimostrare che i gradi di separazione tra le persone sono effettivamente scesi da sei a tre e mezzo. Seguitela sul blog dedicato ilfilodinicky.com, Facebook e Instagram (@nicolettacrisponi).

Link utili:
Scopri di più su Viaggi Nostop TreSeiCinque

Guarda anche

#Movesafe in India sul “filo di Nicky” a bordo di un tuk-tuk

Quando si viaggia in Asia, la voglia di prender il posto del nostro autista e mettersi alla guida di un tuk-tuk viene di sicuro. Un modo semplice, sicuro ma decisamente avventuroso per conciliare uno spettacolare viaggio alla scoperta dell’India e questa voglia di muoversi con il vento tra i...

Approfondisci

Movesafe in India tra le meraviglie del Rajasthan

L’India è un paese talmente vasto che per vederlo tutto bisognerebbe starci come minimo sei mesi. Se è la prima volta che ci andate e avete le ferie “contate” il miglior itinerario che io vi possa consigliare è sicuramente il Rajasthan, la terra dei marahja, dei sari e dei colori, dei...

Approfondisci

#Movesafe in Thailandia: 10 cose da sapere prima di partire

La Thailandia è una terra molto amata, nonché una delle destinazioni orientali più ambite negli ultimi anni. A mio avviso è il posto perfetto per chi si approccia per la prima volta alla cultura orientale. È bene tenere a mente 10 cose prima di partire per la cosiddetta terra del...

Approfondisci

Inviare un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *