Del Blue Monday se ne parla ogni anno in maniera ciclica. Ma cos’è esattamente e per quale motivo è chiamato in questo modo? Il “lunedì triste” cade il terzo lunedì di gennaio, e secondo alcune ricerche può essere considerato come il giorno più triste dell’anno. Nelle prossime righe vedremo insieme alcune curiosità in merito a tale giorno e come combattere lo stress che sembra causare.

Blue Monday: cos’è?

Il Blue Monday viene ritenuto il giorno più triste dell’anno, anche se la base che ha determinato questa “equazione” non ha alcun fondamento scientifico. Nonostante questo però, l’idea del Blue Monday è andata diffondendosi in tutto il mondo occidentale. Questo giorno viene così chiamato perché nella lingua inglese “blue” fa riferimento a una condizione di batterie scariche e tristezza.

In altre parole, si tratta di un senso di malinconia malcelato che in alcune situazioni può anche corrispondere a uno stato di depressione. Ma come mai tale giorno cade proprio il terzo lunedì di gennaio? Per definirlo è stata utilizzata una sorta di formula matematica, determinata da fattori come il meteo di quel preciso periodo e i sensi di colpa per le spese natalizie.

In aggiunta, la “combo” prevede la necessità crescente di darsi da fare in vista di un nuovo anno che deve iniziare al meglio. D’altronde il periodo invernale è uno di quelli che in maniera fisiologica fa sentire stanchi e demotivati.

I rimedi per il Blue Monday

Nonostante il Blue Monday sia privo di qualsiasi fondamento scientifico, il senso di malessere in coincidenza di questa data si è diffuso nel mondo. Il giorno è stato scelto in un contesto particolare, ovvero una campagna pubblicitaria diffusa per mano di un’agenzia viaggi del Regno Unito. Ma come evitare questa condizione di tristezza e depressione? Quali sono i rimedi per il Blue Monday? Innanzitutto è importante non perdersi mai d’animo.

D’altronde è solamente un periodo, e per quanto possa presentarsi in maniera negativa, passerà come qualsiasi altro momento triste. A tal proposito, come spesso accade, un buon aiuto proviene dall’attività fisica, anche e soprattutto se fatta in compagnia. Isolarsi, in queste condizioni, non fa mai bene. Proprio per questo motivo, sono altrettanto consigliate le uscite con gli amici.

Anche qualche peccato di gola, bilanciato da un’adeguata attività fisica, di sicuro non potrà fare che bene. Oltre a questo, grande attenzione deve essere prestata all’alimentazione. Con questi presupposti, è consigliato scegliere quei nutrienti che possono ridurre la stanchezza. Tra i principali possiamo ricordare l’acido folico, la vitamina B3 (le mandorle ne sono ricche), il ferro, il magnesio e la vitamina B2.

Inoltre, l‘organismo deve essere indotto a produrre serotonina (ormone del benessere). Proprio per questo motivo è fondamentale inserire nell’alimentazione cereali integrali e uova. Ma il rimedio dei rimedi, visto l’ambito in cui è nato il Blue Monday, non può che essere uno e uno soltanto: prenotare un bel volo aereo magari per qualche destinazione calda ed esotica.

Blue Monday: combattere lo stress

Come combattere lo stress di questo periodo in maniera efficace? Come per ogni problema di questo tipo è fondamentale concentrarsi sul benessere psicofisico e sul benessere psicologico.

Per tutti questi motivi è consigliato iniziare questa giornata così triste all’insegna del relax. Meglio evitare le tipiche corse mattutine fatte appena svegli. Una buona colazione e una buona doccia non possono che apportare un contributo positivo anche al benessere fisico. Anche controllare la respirazione è altrettanto importante. D’altronde è risaputo come il modo di respirare sia connesso con lo stato emotivo.

Lunghi e profondi respiri infatti, sono in grado di migliorare la lucidità mentale, ma anche di calmare l’ansia e donare un’immediata sensazione di benessere. Al contrario, una respirazione affaticata e affannosa causano l’effetto opposto. Anche un rientro graduale alla tradizionale (e stressante) routine quotidiana è altrettanto consigliato. Per questo motivo, tutti gli impegni andrebbero ripresi proprio con gradualità.

Infine, ma non da ultimo, durante questa giornata è consigliato ritagliarsi dei momenti di relax. Potrebbe trattarsi di quattro passi dopo una giornata lavorativa, ma anche leggere un buon libro, piuttosto che guardare un film divertente o fare un bel bagno caldo.

Condividi su: