Bere tanta acqua è una delle cose migliori che possiamo fare per il nostro corpo. L’acqua è quell’elemento coinvolto in qualsiasi processo dell’organismo, tra l’altro composto al 60% circa proprio da questo elemento. Una vita sana dunque, non può ignorare l’importanza dell’idratazione, che oltre a prevedere un consumo medio di almeno 6-8 bicchieri di acqua al giorno, prevede anche il consumo di frutta e verdure fresche.

Quanta acqua bere al giorno?

Una corretta idratazione fa sicuramente bene ai reni, e questo perché consente loro di lavorare in maniera più efficiente. Ma i benefici non sono solamente per questi organi, perché ad esempio bere molta acqua fa bene al cervello e migliora le funzioni cognitive. Oltre a questo, una corretta idratazione fa anche bene al cuore perché in grado di regolare la pressione sanguigna.

Un buon consumo di acqua oltretutto regola la temperatura corporea e fornisce un valido supporto al metabolismo. Ma i benefici di bere acqua non terminano certo qui, perché quest’abitudine aiuta a smaltire le tossine, favorisce la tonicità muscolare e delle articolazioni e aiuta a mantenere la corretta elasticità della pelle. Ma quanta acqua bere al giorno? Gli esperti consigliano almeno 6-8 bicchieri.

Entrando nel dettaglio, possiamo vedere che la quantità corretta si aggira intorno ai 35 gr per ogni kilogrammo del peso corporeo. In altre parole, una persona di 60 kilogrammi di peso dovrebbe bere almeno 1,5 litri di acqua, che indicativamente sono proprio 8 bicchieri. Il consiglio è quello di bere acqua a temperatura ambiente, o quanto meno non fredda, e soprattutto a piccoli sorsi.

Bere 2 litri di acqua al giorno

In condizioni normali il corpo umano ogni giorno elimina circa 2 litri di acqua al giorno. Un’intensa attività fisica però, un’alta temperatura ambientale, il clima e anche determinate condizioni fisiche sono fattori che possono alterare il suddetto valore. Questo significa che la perdita di liquidi e di conseguenza di sali minerali può essere maggiore di 2 litri, e per questo motivo la quantità di acqua nel corpo deve essere ripristinata.

Bere 2 litri di acqua al giorno dunque, sarebbe una buona e sana abitudine da non perdere mai. La perdita di liquidi derivante dal sudore infatti, se non reintegrata adeguatamente, può anche condurre verso uno squilibrio idro-salino. Il fabbisogno idrico giornaliero quindi, è di almeno 2 litri di acqua al giorno, ma a seconda del soggetto e di alcune variabili può essere molto più alto.

Dobbiamo ricordare che quando l’idratazione è corretta anche l’intestino ne trae beneficio. L’acqua infatti, insieme alle fibre, è perfetta per combattere la stitichezza che tra l’altro, in molte situazioni, è proprio il segnale di una scarsa idratazione. Una quantità corretta di acqua fornisce dunque maggiore energia, aiutando la digestione e contribuendo in maniera significativa al benessere generale dell’organismo.

Equilibrio idro-salino: cos’è?

Parlando di idratazione citare l’apporto di sali minerali è assolutamente fondamentale. Si tratta di composti inorganici importantissimi per la nostra salute. Sia l’acqua che beviamo che chiaramente il cibo che mangiamo sono la primaria fonte di sali minerali del nostro corpo e il loro apporto non deve essere mai trascurato. In realtà in alcuni casi, tale apporto diventa maggiormente importante.

Ad esempio determinate diete possono portare ad una dispersione eccessiva di questi elementi, e lo stesso discorso è valido anche in presenza di alcune condizioni climatiche. Per evitare questa carenza è necessario dunque bere molta acqua, e quando possibile evitare sia gli alcolici che le bevande gasate e zuccherate. Anche l’alimentazione può fornire un valido supporto.

Alcuni cibi infatti, sono particolarmente ricchi di magnesio e potassio. Tra questi troviamo sicuramente frutta e verdura. Proprio per questi motivi il consiglio è quello di incrementare l’assunzione di tali alimenti, dunque di inserirli con più frequenza nella nostra alimentazione. Tutto questo non dimenticando di mantenere una dieta povera di sale.

Idratazione: importanza per la pelle

possiamo mantenere, e questo è valido anche per la nostra pelle. Quando è ben idratata infatti, la pelle appare più luminosa, quindi più sana e per questo meno esposta al tanto temuto invecchiamento cutaneo. Ma l’idratazione oltre che dall’interno attraverso l’apporto giornaliero di acqua, può avvenire anche dall’esterno.

Per ripristinare l’idratazione corretta di pelle e viso ad esempio, è possibile ricorrere a sieri specifici con azione idratante e lenitiva, che contengano attivi specifici anti-età. Uno di questi è sicuramente l’acido ialuronico. Si tratta di un componente davvero essenziale per la pelle, in grado di trattenere le molecole d’acqua grazie alla sua struttura, e soprattutto di rilasciarle verso gli strati più profondi.

vuoi proteggere la tua salute e quella della tua famiglia?
Scopri Eura Salute 360
Condividi su: