Lo smartphone è un oggetto di cui nessuno può farne più a meno. Infatti questo ci facilita la vita, ci tiene in contatto con i nostri amici e ci permette di gestire con un semplice touch operazioni di ogni genere. Un bel vantaggio, vero?
Sicuramente questo dispositivo viene utilizzato anche da coloro che sono un po’ avanti negli anni, cioè, i nostri genitori e, a volte, anche i nostri nonni. Ma loro come vengono definiti nel gergo comune? Senior digitali. Si tratta di una categoria che desidera stare sempre di più al passo con i tempi e sfruttare tutti i benefici che la tecnologia può offrire.

Senior digitali: chi sono
La tecnologia, ogni giorno, compie passi da gigante e cerca di avvicinare ognuno di noi a nuove realtà sempre più interessanti. Allo stesso modo i senior digitali non vogliono restare indietro ma sono risoluti a sentirsi parte integrante di questo processo. Ma avranno tutti gli strumenti necessari per farlo? Alcuni sono sempre sul pezzo perché amano informarsi e frequentano già dei corsi mirati all’alfabetizzazione digitale. E gli altri? Aspettano che i nipoti spieghino loro perché non dovranno cliccare sui banner ”hai vinto un iphone”.
Ma perché è importante insegnare ai nostri over 75 l’utilizzo corretto di un tablet, smartphone o più semplicemente di un pc? Perché la società sta diventando sempre più smart e i benefici dovuti dalla tecnologia sono innumerevoli. Infatti anche loro hanno voglia di visitare un museo online, ritrovare i loro amici di una volta sui social, restare in contatto con i figli lontani e, perché no, scoprire informazioni sempre più utili su qualsiasi cosa, anche sulla falegnameria.
I senior digitali, secondo lo studio dello psichiatra Americano Yonas E. Geda, ricevono grandi benefici se stanno al passo con la tecnologia. Il cervello è sempre in movimento riducendo l’impatto di un declino cognitivo e, soprattutto, vivono quasi una seconda giovinezza che lo porta ad accorciare le distanze anche con i più piccoli.

Senior digitali: di cosa hanno bisogno?
Il primo ostacolo che i senior digitali hanno dovuto superare è stato quello dei social network. Agli albori di Facebook, infatti, trovare un over 75 era davvero difficile ma ora, come ben sappiamo, la situazione si è ribaltata. Si parla di Facebook come il “social network degli over 75” perché è semplice da comprendere e non richiede particolari competenze tecniche. Figli e nipoti, ma anche amici di lunga data possono dialogare con loro, condividere pensieri e restare sempre più in contatto quando la distanza fisica può far male.
Il problema nasce quando l’utente “sprovveduto” non sa proteggersi dalle insidiose trame del web. Un over 75 non sempre possiede le necessarie competenze per districarsi nella rete. Quindi capita molto spesso che non si conoscano i termini basilari per poter procedere all’utilizzo corretto del pc, tablet e dei vari social network. Tutto questo viene considerato un vero e proprio punto debole per la corsa verso il progresso.
Cosa fare allora? Alfabetizzare i Senior digitali partendo proprio dalle basi. Non deve essere un compito di figli e nipoti ma questi devono essere in grado di indirizzarli verso corsi o tutorial in grado di insegnare loro questo nuovo mondo.

Senior digitali: le proposte per l’utilizzo consapevole di internet
Se il recente lockdown ha permesso di testare la potenza dei mezzi digitali, oggi, è necessario agire alla base e rendere accessibile tutti questi nuovi strumenti in grado di ridurre la distanza tra più giovani e meno giovani.
I Senior digitali, come abbiamo già anticipato, riescono a comprendere le funzionalità di base di un social network o di un programma specifico ma, purtroppo, non si rendono conto delle insidie che nasconde ogni mezzo. Infatti si parla molto spesso di truffe che vengono messe in pratica attraverso internet. Come possiamo difenderli allora?
In primo luogo è necessario partire dall’abc del digitale. Infatti non è difficile trovare proprio su internet tutorial mirati di facile accesso ed efficaci. In tale modo attraverso un programma di semplice utilizzo, ad esempio, Whatsapp o Skype, è possibile educare i Senior digitali ad utilizzare al meglio internet. Non mancano anche corsi che vengono effettuati attraverso dirette Facebook o Youtube, che spiegano loro come condurre operazioni quotidiane in tutta sicurezza. Infatti è possibile imparare come ordinare la propria spesa a domicilio o visitare musei e siti archeologici comodamente da casa. Non mancano anche tutorial per imparare ad acquistare prodotti dai più famosi siti di e-commerce.
In tutti questi casi i nostri Senior inseriscono i loro dati personali, a volte, anche sensibili. Come possiamo proteggerli da phishing o da mail pericolose? Con la corretta informazione e formazione. Guidandoli attraverso abbonamenti specifici potranno usufruire di un supporto assistenziale sempre a loro disposizione, quindi monitorare e proteggere tutti i loro dati. Lo scopo è quello di evitare truffe, furti d’identità e di denaro. Un bel vantaggio per figli e nipoti che non dovranno passare ore a spiegare perché “quella cosa” non andava fatta.

Senior digitali: lo scopo di questi rimedi
Rendere i senior digitali “connessi con il mondo” è importante, soprattutto, in questi tempi così veloci e frenetici. Infatti non basta solo regalare loro un dispositivo adatto per restare in contatto con il resto del mondo ma vanno forniti anche i giusti strumenti e le indicazioni necessarie per poterli utilizzare in maniera corretta. Solo così potranno evitare problemi anche gravi dal punto di vista della sicurezza.
Nonostante il divario tecnologico tra le varie generazioni sia ancora ampio, investire sulla formazione dei senior digitali permetterebbe a questi ultimi di usufruire di tutti i benefici del mondo digitale, che offre da ormai molti anni, numerosi vantaggi ed opportunità ad una società in costante movimento e innovazione.

Vuoi tenerti lontanto dai rischi del web?
Scopri Digitale Sicuro
Condividi su:
Mostra commentiClose Comments

Lascia un commento