Oggi si pone sempre più attenzione su quelli che sono i consumi all’interno di una casa, cercando di limitarli sia per contenere la loro incidenza sul budget familiare, che per tutelare l’ambiente. Il termine risparmio energetico nasce proprio in questo contesto, identificando un nuovo modo di vivere una casa. In questo articolo vi forniremo una semplice guida al risparmio energetico, sottolineando come sia possibile limitare gli sprechi in casa e quali siano i vantaggi.

Cosa vuol dire risparmio energetico

Iniziamo però con un po’ di definizioni. Se si analizza questa espressione, da un lato si avrà l’idea del risparmio, ovvero un concetto economico che prevede un comportamento finalizzato a gestire al meglio le risorse che si possiedono, in modo da evitare sprechi. Dall’altro si farà riferimento alla produzione di energia, come quella elettrica o all’utilizzo di combustibili fossili, indispensabili all’interno di una casa.
Combinando i due elementi si prevedono una serie di iniziative che vengono attuate direttamente dal singolo individuo e finalizzate a ridurre i consumi di energia all’interno delle mura domestiche.
Il risparmio energetico non è una semplice moda del momento o una corrente di pensiero, ma si basa sulla consapevolezza che non sia possibile un utilizzo illimitato delle risorse energetiche del pianeta e che gestirle nel modo più adatto può essere vantaggioso sia per il benessere dell’ambiente sia per l’economia di una famiglia.

Quali sono i fattori che determinano il consumo energetico in una casa

Dell’energia utilizzata da un paese industrializzato, oltre il 40% è impiegata all’interno delle abitazioni. Il risparmio energetico si rivela dunque una necessità se si vuole ridurre in maniera drastica la spesa di approvvigionamento. Basta considerare l’utilizzo della luce all’interno delle stanze, l’impiego di strumenti elettronici come i piccoli e i grandi elettrodomestici e naturalmente in un’era digitale l’utilizzo costante di dispositivi come computer, tablet e PC.
Quando ci si riferisce ai consumi di una casa non occorre pensar solo all’elettricità, ma si dovrà valutare anche la spesa collegata all’impiego del riscaldamento per rendere più confortevole un ambiente d’inverno, oppure dei condizionatori d’estate.
Infine si aggiunge il costo di combustibili come il gas, indispensabili per alimentare le caldaie e per cucinare.

Come ottenere il risparmio energetico in casa

È importante da subito evidenziare come limitare gli sprechi riducendo i consumi debba essere un’azione effettuata in primo luogo dal singolo soggetto, con una serie di accorgimenti da compiere ogni giorno. A questo si aggiunge la necessità di un intervento dello Stato con una serie di bonus per il risparmio energetico che invoglino i cittadini ad adottare un utilizzo attento delle fonti energetiche.
Come ottenere il risparmio energetico? Si dovrà fare attenzione a gestire i consumi, ammodernare gli elettrodomestici, impiegare le giuste luminarie e migliorare l’efficienza energetica della propria casa.

La gestione attenta dei consumi

Il primo fattore che può portare a un risparmio energetico sostanziale all’interno di una casa, è quello di cambiare le proprie abitudini energetiche. Sarà quindi utile impiegare con parsimonia i grandi elettrodomestici, come la lavatrice, utilizzandola solo quando c’è la giusta quantità di panni sporchi da lavare e approfittando delle ore in cui il costo dell’energia è ridotto. Lo stesso si può dire per l’impiego della lavastoviglie o dell’asciugatrice. Inoltre, potrebbe essere molto utile accendere il riscaldamento solo nelle ore più fredde e quando si è in casa, oppure utilizzare il condizionatore solo nelle ore più calde.
Infine altro aspetto da considerare sono gli apparecchi elettronici come TV o computer: sarà molto utile scegliere di spegnerli di notte o metterli in standby.

Modernizzare gli elettrodomestici

L’innovazione tecnologica ha cambiato il modo di costruire gli elettrodomestici rendendoli sempre più potenti, efficienti, ma al contempo riducendo la quantità di energia necessaria per farli funzionare. Potrebbe essere un valido consiglio sostituire in modo programmato i grandi elettrodomestici, acquistando quelli di nuova generazione omologati con una classe energetica AA+. Sono presenti prodotti di tutti i prezzi, ma grazie ai bonus sul risparmio energetico, sarà possibile ottenere anche degli sconti sull’acquisto o una detrazione fiscale sulle tasse.

Le lampadine a risparmio energetico

Luci a LED e lampadine a basso consumo possono essere impiegate in ogni parte della casa, sostituendo le vecchie luci a incandescenza. Il grande vantaggio: si avrà un effetto luminoso maggiore e un consumo in Kw/h ridotto. Grazie alla capacità di illuminazione elevata si potrà ridurre il numero di punti luce e quindi ottenere un effetto per un ambiente più efficace ma con un costo minore. A questo si possono aggiungere anche una serie di accorgimenti, come spegnere le luci ogni volta che si esce da una stanza, oppure posizionare una scrivania vicino a una finestra al fine di sfruttare l’illuminazione naturale.

Utilizzare la domotica

La domotica prevede la possibilità di un controllo intelligente della casa, attraverso uno smartphone, o per esempio la propria voce. Utilizzarla può essere vantaggioso per il risparmio energetico, dato che si potranno far funzionare a tempo le luci, spegnendole quando nessuno è presente in una stanza, stabilire quando accendere un elettrodomestico, attivare o disattivare una presa, accendere i sistemi di riscaldamento e condizionamento quando è necessario.

Riqualificazione energetica

Infine si potrà approfittare delle detrazioni di risparmio energetico previste per esempio dall’Ecobonus 2021 per affrontare una ristrutturazione che possa migliorare la riqualificazione energetica di un ambiente, con la sostituzione di infissi, tapparelle, caldaie, impianti e interventi per la creazione di intonaci con cappotto termico.

Il risparmio energetico come rispetto per l’ambiente

Adottare nella propria casa iniziative finalizzate a questo scopo, può essere inizialmente un investimento economico, ma a lungo andare porterà ad enormi vantaggi. Infatti si avrà una limitazione degli sprechi con bollette più basse, cosa che in un periodo incerto come questo può essere molto vantaggioso. Inoltre si migliorerà la qualità della vita, dato che ridurre il consumo di energia equivale a proteggere l’ambiente.

Vuoi proteggere la tua casa e la tua famiglia?
Scopri le polizze Casa
Condividi su:
Mostra commentiClose Comments

Lascia un commento