Rispetto dell’ambiente e risparmio energetico sono termini su cui negli ultimi anni si pone sempre più attenzione in tutti i settori e in particolare nel mondo dell’edilizia. Costruire abitazioni in equilibrio con la natura è il focus della bioedilizia, una realtà che pone la sua attenzione alla creazione di case ecosostenibili. Vediamo quali sono le loro caratteristiche, la tipologia di materiali utilizzati, i costi e gli eventuali incentivi per realizzarle.

Cosa sono le case ecosostenibili e le loro caratteristiche

Una casa ecosostenibile si basa su un’idea completamente innovativa, in linea con la necessità di creare abitazioni per l’uomo che abbiano minimo impatto ambientale. In questa prospettiva una casa ecologica per essere definita tale, dovrà prevedere un design innovativo, che verrà studiato al fine di integrarsi perfettamente con l’ambiente circostante, diventando non un’aggiunta al paesaggio, ma un elemento che ne fa parte.
L’attenzione sarà posta anche dal punto di vista del design, con strutture che tendono a combinare le finestre e gli accessi in modo da offrire la massima esposizione luminosa e ridurre l’utilizzo di energia elettrica.
Inoltre, le case ecosostenibili dovranno essere autonome per quanto riguarda la fornitura di acqua, gas e luce, con impianti ad energia pulita e con una netta riduzione del consumo energetico. In questa prospettiva si prevedrà l’utilizzo di elettrodomestici di classe AA+ e l’impiego di sistemi di riscaldamento con combustibile naturale come i pellet.

La scelta dei materiali nelle case ecosostenibili

Per essere definite ecosostenibili le case dovranno essere realizzate con un’attenta scelta dei materiali sia per la struttura esterna sia per quella interna e gli arredi. Di seguito elenchiamo i principali materiali utilizzati nella realizzazione di un immobile ecologico.

• Legno: è un materiale duttile, flessibile e molto resistente, oltre ad avere proprietà isolanti. Viene utilizzato per costruire case ecologiche completamente in legno, dalle fondamenta ai tetti, dai pavimenti ai muri esterni. Inoltre può essere molto utile per ricoprire le pareti al fine di mantenerle fresche d’estate e calde d’inverno. Al fine di rispettare in pieno le nuove normative ambientali il legno utilizzato sarà certificato per la qualità e per la sua provenienza solo da foreste controllate.
• Pietra: altro elemento molto impiegato è la pietra naturale, che permette di realizzare fondamenta, supporti di sostegno, pavimenti e arredi.
• Lana di roccia e sughero: sono elementi del tutto naturali impiegati per gli interni e come isolanti al fine di migliorare l’efficienza energetica. In particolare il sughero può essere impiegato anche per gli arredi interni.
• Canapa: una fibra presente in natura molto facile da lavorare e che ha proprietà isolanti elevate, ma anche resistenti nella creazione di oggetti per l’utilizzo quotidiano e per gli arredi.
• Calce, argilla e gesso: anche questi sono materiali presenti in natura e impiegati al fine di rendere un’abitazione ecologica, senza aggiunta di materie con composti chimici.
• Vetro: molto impiegato per creare spazi luminosi che offrano quindi la possibilità di utilizzare la luce del sole.

Case ecosostenibili: i prezzi per acquisto o ristrutturazione

I prezzi variano in rapporto ai materiali utilizzati e alle caratteristiche energetiche dell’edificio. Inoltre si dovrà considerare se si vuole optare per una casa di nuova generazione e quindi costruirla in base al concetto di bioedilizia, oppure ristrutturare un appartamento o un edificio esistente rendendolo ecologico.

• Le case prefabbricate ecosostenibili sono strutture realizzate in legno e che possono essere costruite in tempi brevi e con tutte le caratteristiche energetiche necessarie per il rispetto dell’ambiente. I prezzi in questo caso si aggirano tra i 1.100 € e i 1500 € a mq in base alla tipologia di isolamento energetico e alla struttura della casa. In linea di massima per realizzare un edificio di circa 140 mq saranno necessari circa 4 mesi di lavoro e un costo di 200.000 €.

• L’altra soluzione è appunto quella di riqualificare un edifico già esistente, convertendolo in una casa ecosostenibile. I prezzi possono variare, dato che gli interventi di ristrutturazione sono differenti e riguarderanno diversi settori, dalla realizzazione del tetto alla creazione di un cappotto termico, dal rifacimento degli impianti elettrici alla sostituzione degli elettrodomestici. Inoltre si potrà intervenire anche sul sistema di riscaldamento e su quello di condizionamento utilizzando sia apparecchi di ultima generazione che impianti che prevedono l’impiego di materiali naturali.

Quali sono gli incentivi per le case ecosostenibili

Al fine di promuovere un maggior rispetto per l’ambiente e al contempo sostenere la creazione di abitazioni e case ecosostenibili il Governo italiano negli ultimi anni ha introdotto diverse tipologie di agevolazioni economiche.
La Legge di Bilancio 2021 ha riproposto l’Ecobonus su tutti gli interventi di ristrutturazione che prevedono una riqualifica energetica, ottenendo uno sconto in fattura, oppure la possibilità di suddividere l’investimento negli anni come agevolazione fiscale. Grazie a queste iniziative economiche si potrà intervenire al fine di trasformare la propria abitazione in una realtà di nuova generazione, con lavori sulla muratura, con l’applicazione del cappotto termico, ma anche con azioni finalizzate all’istallazione di impianti a energia pulita, al fine di ridurre i consumi.
A questo si aggiungono diverse iniziative più settoriali per migliorare l’efficienza energetica degli arredi, con in bonus mobili, quello elettrodomestici o per la sostituzione di caldaie.
Per chi vuole costruire ex novo una casa prefabbricata ecosostenibile o acquistarne una, sono disponibili diversi strumenti finanziari specifici come i mutui verdi, con la possibilità di ottenere un finanziamento per l’intero importo dei lavori, con l’applicazione di tassi agevolati e piani di ammortamenti competitivi.

Case ecosostenibili: perché realizzarle?

Le case ecosostenibili rispecchiano una nuova visione del concetto di abitazione, in cui l’essere umano si integra perfettamente con l’ambiente circostante, come parte integrante dell’ecosistema della Terra.
Realizzare questa tipologia di abitazione, ristrutturandone una già esistente o costruendone una nuova, in base alle regole della bioedilizia, è un investimento a lungo termine, dati i bassi costi di manutenzione dei materiali naturali, che permetterà di ottenere anche un risparmio nel quotidiano con minori consumi.
Infine si avrà la consapevolezza che ogni giorno si contribuisce a rispettare la natura e l’ambiente in cui viviamo e che saranno lasciate alle future generazioni.

Vuoi proteggere la tua casa e la tua famiglia?
Scopri le polizze Casa
Condividi su:
Mostra commentiClose Comments

Lascia un commento