Europ Assistance
  • Iscriviti al Feed RSS
  • Seguici su Google+

Giappone gay friendly: 5 città da non perdere

 

 

Il Giappone è un paese incredibilmente ricco di storia, cultura e sfaccettature che ogni viaggiatore è in grado di scoprire. Ci sono però alcuni aspetti della cultura giapponese che non sono immediatamente leggibili e uno di questi è quello nei confronti dell’omosessualità.
Da qualche anno il Giappone è diventato una meta gay frequentatissima e il merito si deve anche alle tante associazioni che stanno lavorando per rendere visibile la comunità LGBT locale. Proprio perché la cultura giapponese è diversa dalla nostra, potrebbe sembrare difficile individuare le città e i quartieri con maggiore vita gay o entrare in contatto con la comunità locale. Assicuriamo che una volta che ci sarete riusciti, non ne potrete più fare a meno. Ecco le 5 città giapponesi più gay-friendly, ovvero quelle da non perdere per entrare in contatto con la comunità LGBT giapponese.

TOKYO – Tokyo è una città immensa, parliamo di circa 10 milioni di abitanti, e da sempre è stata una città aperta e attenta alle diversità. Basti pensare che in Giappone non esiste ancora una legge per il matrimonio egualitario, ma a Tokyo diversi distretti fra cui Shibuya, Harajuku e Setagaya hanno approvato delle regolamentazioni per poter introdurre le unioni civili a livello locale.
A Tokyo, il principale quartiere gay è Shinjuku Ni-Chome, proprio nel cuore della vibrante Shinjuku. Fra le strade strette di questo quartiere è un fiorire di negozi, locali gay, saune e luoghi dove poter bere una birra e conoscere tantissimi local. Il numero esatto dei locali presente a Shinjuku Ni-Chome cambia ogni mese, alcuni chiudono e altri vengono aperti ma si parla di numeri superiori ai 200.

OSAKA – Osaka è la capitale del divertimento gay friendly. Nella città più grande del Kansai, pur rispettando tutte le regole sociali del Paese, la comunità LGBT è ben integrata. Ci sono diverse zone con un’alta concentrazione di locali gay, ma la più frequentata è Doyamacho, fra le stazioni di Umeda e Osaka Station.
Il Kansai Rainbow Festa è uno degli eventi imperdibili per tutti quelli che vogliono scoprire il lato arcobaleno del Giappone. All’inizio era una manifestazione con meno di cento partecipanti, ma oggi è diventato l’evento più grande e divertente del Paese.

FUKUOKA – La città di Fukuoka si trova nella regione meridionale del Kyushu e viene spesso tralasciata dal turismo di massa che preferisce invece dirigersi in zone più classiche. In realtà questa città ha tanto da offrire, sia per storia e cultura sia per divertimento. Fra gli eventi di spicco della città il Kyushu Rainbow Pride è quello di maggior successo. Oltre a essere l’evento di punta per la comunità gay della regione e anche il modo per assistere a spettacoli drag, di idol e band locali.

NAHA – Naha è la capitale della bellissima isola di Okinawa. Un luogo molto lontano dal tradizionale aspetto giapponese. Qui si viene per un mare che non ha nulla da invidiare a quello dei caraibi. La destinazione è perfetta per gli amanti dello snorkeling, delle attività all’aria aperta ma anche per chi vuole divertirsi. Naha è la città più grande della regione e qui i locali gay non mancano!

SAPPORO –  Dal profondo sud arriviamo all’estremo nord inesplorato. La regione oltre a offrire una natura incontaminata e ottime birre, è anche conosciuta per la sua vita gay. Sapporo è la città più viva sotto questo punto di vista. Uno dei tanti motivi per trascorrere qui qualche giorno è il coloratissimo Sapporo Rainbow Pride, evento che in meno di 2 anni è diventato il più importante per la comunità gay dell’Hokkaido.

ASSISTENZA SANITARIA – Pronti per partire alla scoperta del Giappone gay friendly? Lasciatevi stupire dalle meraviglie di questo paese e godetevi la vacanza nel totale relax stipulando un’assicurazione sanitaria adeguata prima di mettervi in viaggio. Noi abbiamo la polizza Viaggi Nostop Vacanza multiviaggio che ha durata annuale e ci copre durante tutti i viaggi con permanenza all’estero continuativa inferiore ai 90 giorni, permettendoci di sentirci sicuri in qualsiasi Paese e vivere ogni esperienza al meglio.

Luigi e Daniele, Gayly Planet*

 

*Gayly Planet è il blog di Luigi e Daniele, coppia nel lavoro e nella vita. Sul loro blog è possibile trovare consigli di viaggio, attività da fare e curiosità sul mondo LGBT. Potete seguirli su wearegaylyplanet.com e in viaggio su Instagram (@gaylyplanet).

Inviare un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *